Quinta tesi. Le piattaforme di gestione della pubblicità sono opache

Il digitale è l’economia dell’abbondanza di merce-informazione. Ma l’attenzione e la sua principale forma di monetizzazione, la pubblicità, sono una risorsa scarsa. Tutti gli attori del sistema ne hanno bisogno per sopravvivere. I meccanismi tecnologici attraverso i quali le piattaforme gestiscono la pubblicità sono opachi.
Non c’è scelta: starne fuori è un suicidio, farne parte condanna la produzione culturale alla proletarizzazione.

This entry was posted in Il manifesto di Eretici digitali and tagged , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>